Windows 10 ancora disponibile di seconda mano

Microsoft ha appena lanciato l’ultima versione del suo sistema operativo, Windows 11. Mentre le differenze con la versione precedente sono quasi esclusivamente visibili nel nuovo design, i requisiti hardware sono aumentati notevolmente. Questo comporta dei rischi quando si cambia. Per le aziende, vale quindi la pena di continuare a dotare i dispositivi di Windows 10. Il mercato dell’usato, dove la versione vecchia è ancora disponibile, lo rende possibile ad un prezzo ragionevole.

Ogni nuova versione del software di solito porta con sé requisiti di sistema più elevati. Con Windows 11, questi sono particolarmente restrittivi. Il nuovo sistema operativo funziona solo su dispositivi con processori relativamente nuovi. Sono compatibili i processori AMD e Intel Core i delle ultime generazioni. Jennifer Schneider, amministratore delegato del fornitore di software usato usedSoft Germania: “Molte aziende usano diversi PC e computer portatili. Bisogna prima controllare con grande sforzo se i singoli dispositivi sono compatibili. Il passaggio comporta il rischio che l’hardware esistente non possa eseguire Windows 11. Inoltre, l’esperienza mostra che i nuovi sistemi operativi non sono ancora completamente sviluppati dopo il loro rilascio e che si verificano problemi di avviamento.”

Se il cambiamento sia utile per le aziende è discutibile. La differenza tra le versioni è principalmente nel design. Windows 11 sembra più ordinato e moderno. Tuttavia, questo significa anche che gli utenti devono prima abituarsi e familiarizzare con il nuovo sistema. “La versione precedente, Windows 10, non è solo un’alternativa familiare, ma anche matura e solida”, dice Schneider. “Nel negozio usedSoft, continuiamo ad offrire le licenze ad un prezzo vantaggioso. Se Microsoft offrirà solo Windows 11 in futuro, il mercato dell’usato è l’unico modo per continuare a ottenere la versione precedente.”